Venerdì 18 Aprile 2014 , Ore 23:24
 
 

Il Corriere della Sera sbaglia, l’Italia non è keynesiana

  Il sito greenreport.it ci ha chiesto un commento all’editoriale del Corriere della Sera di ieri. Lo ripubblichiamo qui.   di Guido Iodice e Daniela Palma, Keynesblog.com per greenreport.it   L’editoriale di Antonio Polito pubblicato sul Corriere della Sera del 18 luglio 2012 (Le risorse immaginarie) purtroppo non si distingue nel panorama degli articoli che, […]

Economia, Italia, Teoria economica
19 luglio 2012, ore 11:49
3 commenti

 

Il sito greenreport.it ci ha chiesto un commento all’editoriale del Corriere della Sera di ieri. Lo ripubblichiamo qui.

 

di Guido Iodice e Daniela Palma, Keynesblog.com per greenreport.it

 

L’editoriale di Antonio Polito pubblicato sul Corriere della Sera del 18 luglio 2012 (Le risorse immaginarie) purtroppo non si distingue nel panorama degli articoli che, almeno da due anni a questa parte, ripropongono i luoghi comuni sull’eccessiva spesa pubblica italiana e sulle ragioni della crisi. Tuttavia è interessante che Polito abbia esplicitamente accusato l’Italia di “politiche keynesiane”. Ma partiamo dall’inizio.

 

Polito esplicitamente assume come vero il punto di vista di Berlino: «In Germania – scrive il giornalista – sono convinti che l’Italia di oggi sia proprio il frutto di un lungo ciclo di politiche keynesiane. E in effetti è legittimo pensarlo di un Paese che ha accumulato la bellezza di duemila miliardi di euro di debiti». Ma la crisi che oggi porta lo spread vicino a quota 500 è davvero originata da ciò? Un confronto con gli altri Piigs dice esattamente il contrario.

 

Prima della crisi del 2007/2008 il rapporto debito/Pil di Spagna, Irlanda e Portogallo era decisamente basso. La Spagna, ad esempio, aveva ridotto il rapporto dal 67% del 1997 al 36% nel 2008. Un record. L’Irlanda nel 2008 presentava un rapporto del 25%, il Portogallo, meno “virtuoso”, del 68%. Per fare un confronto è utile ricordare che nel 2007 la Germania aveva un rapporto debito/Pil del 67%. Se guardiamo poi i deficit annuali ci accorgiamo che la Spagna ha avuto deficit minuscoli (minori dell’1%) dal 2000 al 2005. Successivamente ha avuto addirittura avanzi di bilancio. L’Irlanda dal canto suo ha accumulato costantemente avanzi per tutto il periodo pre-crisi. Ben diversa la situazione tedesca: la “locomotiva” ha sforato i parametri di Maastricht per ben 4 anni consecutivi, dal 2003 al 2006 compreso. In altre parole, tra i Piigs si trovano alcuni dei paesi più virtuosi del continente. Al loro confronto la Germania è stata “spendacciona” tant’è – molti lo dimenticano – che insieme alla Francia ha dovuto chiedere una deroga (ottenuta) alla mannaia dei trattati.

 

E l’Italia? Ebbene, la cosa forse sorprenderà, ma il nostro paese è stato più “virtuoso” della Germania stessa. L’avanzo primario (cioè la differenza tra entrate e uscite al netto degli interessi) italiano è stato costantemente positivo dal 1992 ad oggi, con l’unica eccezione del 2009. Il grafico qui riportato mette a confronto la nostra “virtuosità” con la relativa “dissolutezza” del gigante tedesco.

Sostenere quindi, come fa Polito facendosi interprete del “punto di vista di Berlino”, che noi abbiamo fatto “tax and spending”, non ha alcun riscontro nei dati oggettivi. Al contrario, noi abbiamo fatto “tax and saving“, tassa e risparmia. Lo Stato ha prelevato da cittadini e imprese più (molto di più) di quanto abbia restituito. L’obiettivo era quello di ridurre il debito pubblico pregresso, formatosi dopo il “divorzio” tra Banca d’Italia e Tesoro nel 1981, che ha causato l’impennarsi dei tassi di interesse. Non deve a questo punto sorprendere che la crescita italiana sia stata così stagnante.

 

Polito farebbe bene anche a ricordare un dato molto banale: lo spread italiano è poco più basso di quello spagnolo e decisamente imparagonabile a quelli di Irlanda e Portogallo, paesi con un debito/Pil minore del nostro. Ancora convinto che la crisi sia originata dai debiti pubblici?

 

Da cosa origina quindi la crisi dei debiti sovrani? Ebbene, i mercati, dopo aver creduto per 10 anni che l’euro funzionasse, alla fine sembrano essersi accorti che non funziona affatto: la rigidità della moneta, unita alla mancanza di riequilibratori automatici a livello di Unione (welfare, tassazione, spesa pubblica) e alla risoluta politica di deflazione salariale relativa della Germania, hanno causato crescenti squilibri della bilancia commerciale tra “centro” e “periferia”. In altre parole, si è creata una moneta senza uno stato. I paesi più deboli hanno così conosciuto l’importanza del debito estero crescente, legato all’importazione sistematica di merci dal “centro”.

 

Si noti che in tutti i paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Germania, esistono aree “ricche” e aree “povere”. Il fatto che non esplodano è dovuto all’esistenza del bilancio pubblico che funge da riequilibratore, bilancio che per l’UE ammonta appena all’1% del Pil dell’Unione. Nulla, in termini pratici, considerando che ad esempio il bilancio federale negli USA arriva ad un quarto del Pil.

 

E infine arriviamo alla falla logica nel ragionamento di Polito, che si chiede: «Dove intendono attingere le ingenti risorse che servono (perché uno stimolo keynesiano o è ingente o non è)? Poiché in cassa non c’è un euro, e poiché non possiamo battere moneta per inflazionare il nostro debito, si presume che i keynesiani di ritorno pensino a un ricorso ai mercati». Polito in sostanza assume il vincolo esterno (l’euro, Maastricht, il fiscal compact, ecc.) come un dato di fatto e non una scelta precisa compiuta dalle classi dirigenti italiane, a partire da quelle che Polito, ci pare di ricordare, elogiava fino a poco tempo fa.

 

Il problema è appunto quello di rimuovere o almeno alleggerire il vincolo esterno. Mutualizzare il debito con gli eurobond e riformare la Bce in modo che possa monetizzare il debito pubblico degli stati membri sono il minimo sindacale in una situazione così esplosiva. Ma non basta: se si vuole risolvere la crisi e fare in modo che non si ripresenti negli stessi termini, servirebbe un ingente bilancio circa 20 volte quello attuale, un welfare europeo, regole comuni contro la deflazione salariale, un salario minimo continentale, insomma tutto ciò che concorrerebbe a trasformare l’UE in uno Stato. Il tutto controllato non da organismi senza nessuna legittimazione democratica, o peggio dalla Bce, ma da un parlamento sovrano. E servirebbe subito, non tra 10 anni.

 

E’ possibile? Difficile, molto difficile. Per questo, volenti o nolenti, alcuni paesi potrebbero lasciare l’euro a causa della rigidità con la quale la Germania si oppone a qualsiasi esperimento di bilancio federale, con conseguenze sull’economia mondiale che ridurrebbero il fallimento di Lehman Brothers ad una nota a piè di pagina.

 
Leggi altre news su : ,
 
Autore: Keynes Blog Chi é:

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
Su Social IO
Condividi l'articolo

3 Commenti

Lascia un tuo commento +

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad:

  • # 1
    dobbiamo comprare tutto il nostro debito e fare cucu alla merkel
  • # 2
    Articolo molto interessante che condivido pienamente. A me pare che i nostri governanti, economisti e mass media ci stiano raccontando un sacco di balle. Quello che sta succedendo è una imponente redistribuzione di ricchezza e di potere a favore dei soliti noti e a danno dei più deboli. Mi domando però fino a quando. Mi ritornano in mente le opere di Brecht, messe in scena da Streler, che mostravano gli inganni di chi deteneva il potere a danno della classe operaia avvenuta ai primi del Novecento.
  • # 3
    Ma Polito chi è? Che sta facendo e che ha fatto nel passato? Per comprendere quello che un soggetto scrive è necessario conoscere il suo passato. Il passato di Polito lo si può vedere su wikipedia.
  • Keynes Blog è il blog di
    Guido Iodice e Daniela Palma

    Keynes blog offre una rassegna di idee sulla “grande recessione” iniziata nel 2008 e la cui conclusione pare non essere ancora alle porte.

    E’ proprio vero che i “sacrifici” ci tireranno fuori dalla crisi? Le liberalizzazioni sono una soluzione per aumentare la crescita? Lo spread calerà se ci dimostreremo “responsabili” e applicheremo le ricette di austerità? Oppure, al contrario, i sacrifici deprimeranno la domanda peggiorando le cose? E se è così, quali politiche economiche alternative è possibile e necessario adottare per la ripresa?

    A queste ed altre domande Keynes blog tenterà di rispondere segnalando articoli, saggi, interventi di economisti, pensatori e politici.

    Keynes blog è ideato e curato da Guido Iodice e Daniela Palma.

  • COMMENTI & COMMENTATORI

    pressure I loved as much as you'll receive carried out right here. The sketch is attractive, your authored material stylish. nonetheless, you command get got an shakiness over that you wish be delivering the following. unwell unquestionably come further formerly again since exactly the same nearly a lot often inside case you shield this hike.
    Il Risparmiatore Meraviglioso D'accordo con il moltiplicatore keynesiano, naturalmente, ma se riferito ad una variabile -la spesa pubblica- definita in modo più dettagliato. Condivido infatti le osservazioni di EUGE e di Mercuzio riguardo alla qualità ed alla produttività della spesa pubblica. Infatti -per usare i termini impiegati da Mari- non credo che Sir John Maynard intendesse stimolare la domanda aggregata promuovendo sprechi, elefantiasi burocratica e corruzione.
    Antonino Scusate, ma se non ho letto male, l'articolo parla di "simulazione" condotta dai tre ricercatori; siamo sicuri che nella realtà le cose poi andranno così?
    iv I libri di testo poi lo dicono che lavorare il 70 % della propria vita per mantenere uno stato significa essere schiavo?
    iv I ricercatori conoscono bene le formule , ma non sono applicabili se già la spesa va ben oltre ogni limite di sostenibilità. I municipi sono diventati le maggiori aziende che nessuna azienda produttiva sita nel comune stesso riesce ad eguagliare per giro d'affari. E così via dicendo per tutte le amministrazioni. E' chiaro che la spesa pubblica và mantenuta , ma quella esistente deve essere sostenibile.
  • Naviga il blog
  • Archivio del blog
  • Meta
  •  
  •  

Switch to our mobile site